COMPLICITÀ IN CRIMINI DI GUERRA: TOTALENERGIES REPLICA ALLE ACCUSE

Lunedì, 28 marzo 2022 | Notizie Generali
Marco Arezio - Consulente materie plastiche - Complicità in Crimini di Guerra: TotalEnergies Replica alle Accuse

Complicità in Crimini di Guerra: TotalEnergies Replica alle Accuse

Dopo le gravi e infondate accuse di "complicità in crimini di guerra" mosse a TotalEnergies, la Società condivide con i suoi stakeholder i propri principi di condotta in merito alle sue attività legate alla Russia al fine di consentire loro di comprendere come sta agendo la nostra Società in modo responsabile. Considerando l'aggravarsi del conflitto, anche TotalEnergies sta compiendo nuovi passi.

TotalEnergies ribadisce la sua più ferma condanna dell'aggressione militare russa contro l'Ucraina, che ha tragiche conseguenze per la popolazione ucraina e minaccia la pace in Europa.

Per agire in modo responsabile, come azienda europea e in conformità con i suoi valori, TotalEnergies ha definito chiari principi di condotta per la gestione delle sue attività legate alla Russia :

  • Garantire il rigoroso rispetto delle sanzioni europee attuali e future, indipendentemente dalle conseguenze sulla gestione dei suoi beni in Russia, e sospendere gradualmente le sue attività in Russia, garantendo al contempo la sicurezza della sua forza lavoro.

TotalEnergies ricorda che, contrariamente a quanto affermato da diversi commentatori, non gestisce alcun giacimento di petrolio e gas né alcun impianto di gas naturale liquefatto (GNL) in Russia .

TotalEnergies è azionista di minoranza di numerose società russe non statali: Novatek (19,4%), Yamal LNG (20%), Arctic LNG 2 (10%) e TerNefteGaz (49%).

Queste società sono gestite da un proprio personale con un numero limitato di dipendenti da TotalEnergies.

TotalEnergies è anche un partner al 20% nella joint venture Kharyaga gestita da Zarubezhneft.

La Società ha infatti contribuito alla fase di realizzazione dei progetti di tali società ma non ha attività o responsabilità operative su tali siti.

TotalEnergies aveva solo 11 dipendenti in queste società al 24 febbraio 2022 e solo 3 espatriati distaccati si trovano in Russia ad oggi.

TotalEnergies ha così avviato la graduale sospensione delle proprie attività in Russia, garantendo la sicurezza dei propri team .

Allo stesso modo, TotalEnergies ha deciso di sospendere i suoi sviluppi commerciali per batterie e lubrificanti in Russia.

Non fornire ulteriori capitali per lo sviluppo di progetti in Russia .

Per quanto riguarda in particolare il progetto Arctic LNG 2, vista l'incertezza creata dalle sanzioni tecnologiche e finanziarie sulla capacità di realizzare il progetto Arctic LNG 2 attualmente in costruzione e il loro probabile inasprimento con l'aggravarsi del conflitto, TotalEnergies SE ha deciso di non registrare più riserve per Arctic LNG 2 nei suoi conti e non fornirà altro capitale per questo progetto.

Non invertire lo scopo delle sanzioni contro la Russia: non trasferire ingiustificatamente valore agli interessi russi prelevando dai beni.

L'attuale contesto di sanzioni europee e leggi russe che controllano gli investimenti esteri in Russia impedirebbero a TotalEnergies di trovare un acquirente non russo per i suoi interessi di minoranza in Russia.

Abbandonare senza considerazione questi interessi arricchirebbe gli investitori russi, in contraddizione con lo scopo delle sanzioni.

Inoltre, l'abbandono di tali quote di minoranza detenute da TotalEnergies non avrebbe alcun impatto sull'attività e sui ricavi delle società, in quanto queste società hanno dipendenti propri e sono gestite in modo autonomo.

Contribuire a garantire la sicurezza dell'approvvigionamento energetico del continente europeo nel quadro definito dalle autorità europee .

TotalEnergies è una società energetica europea che deve contribuire alla sicurezza dell'approvvigionamento del continente europeo, che non dispone delle stesse risorse interne di altri paesi occidentali come il Regno Unito o gli Stati Uniti.

In conformità con le decisioni dell'Unione Europea di mantenere in questa fase le forniture di gas russe, TotalEnergies continua a fornire all'Europa il gas naturale liquefatto dell'impianto di Yamal LNG nell'ambito di contratti a lungo termine che deve onorare purché i governi europei ritengano che la Russia il gas è necessario.

Contrariamente al petrolio, è evidente che le capacità logistiche del gas dell'Europa rendano difficile astenersi dall'importare gas russo nei prossimi due o tre anni senza incidere sull'approvvigionamento energetico del continente.

Tuttavia, dato il peggioramento della situazione in Ucraina e l'esistenza di fonti alternative per rifornire l'Europa, TotalEnergies ha deciso unilateralmente di non stipulare o rinnovare più contratti per l'acquisto di petrolio e prodotti petroliferi russi, al fine di fermare tutti i suoi acquisti di petrolio e petrolio russi prodotti il ​​prima possibile e al più tardi entro la fine del 2022.

TotalEnergies ha già annunciato di aver interrotto tutte le negoziazioni sul mercato spot dal 25 febbraio 2022 sui prodotti petroliferi e petroliferi russi. Questo vale anche per le operazioni di compravendita a pronti riguardanti il ​​gas naturale russo o il gas naturale liquefatto.

TotalEnergies ha contratti a termine per l'acquisto di petrolio e prodotti petroliferi russi che scadono, al più tardi, il 31 dicembre 2022.

Questi contratti a termine coprono principalmente le forniture per la raffineria di Leuna nella Germania orientale, servita dall'oleodotto Druzhba dalla Russia. Riguardano anche la fornitura di gasolio in Europa, che è a corto di questo prodotto (circa il 12% delle importazioni di gasolio russe in Europa nel 2021).

In stretta collaborazione con il governo tedesco, TotalEnergies risolverà i suoi contratti di fornitura petrolifera russa per la raffineria di Leuna il prima possibile e al più tardi entro la fine del 2022 e metterà in atto soluzioni alternative importando petrolio attraverso la Polonia. Già a fine marzo 2022 un primo contratto non verrà rinnovato.

Per quanto riguarda la carenza di gasolio in Europa, in assenza di istruzioni contrarie da parte dei governi europei, TotalEnergies risolverà anche i suoi contratti di acquisto di gasolio russo il prima possibile e al più tardi entro la fine del 2022.

TotalEnergies importerà prodotti petroliferi da altri continenti, in particolare la sua quota di gasolio prodotta dalla raffineria Satorp in Arabia Saudita

Info: TotalEnergies

CONDIVIDI

CHIEDI INFORMAZIONI SULLA PUBBLICITÀ

Copyright © 2022 - Privacy Policy - Cookie Policy | Tailor made by plastica riciclata da post consumoeWeb

plastica riciclata da post consumo