SLOW LIFE: LA COLPA DI NON ESSERE GIOVANE

Venerdì, 15 luglio 2022 | Slow Life
Marco Arezio - Consulente materie plastiche - Slow Life: La Colpa di non Essere Giovane

Slow Life: La Colpa di non Essere Giovane


Cammini lentamente, leggermente piegato in avanti, nel calore di questa giornata primaverile, con gli odori della natura che solleticano il tuo respiro.

E’ da un po' di tempo che esci solo, le tue passeggiate raccontano gli anni che sono passati con il loro incedere inesorabile, che tu conosci troppo bene per fermati a pensarci.

Ti piacerebbe raccontare, ancora una volta, la tua giovinezza, la montagna con gli amici, le vette conquistate, il tuo amore che ti aspettava a casa, le gite con i tuoi figli alla scoperta dei luoghi di villeggiatura e del tuo paese.

Ti piacerebbe raccontare del tuo lavoro, di come eri capace e qualificato, di quanta strada hai fatto, di quanta gente ha lavorato con te e di come ti sentivi al centro del mondo.

Ti piacerebbe ritornare a quei giorni di miele dove eri protagonista della tua vita, responsabile e capace, autore del successo della tua famiglia, con il piacere di veder crescere bene i tuoi figli sapendo che, con una punta di orgoglio, ti potevi rispecchiare in loro.

Ti piacerebbe tornare al trambusto della tua casa piena di rumori, di discorsi, di risate, di pianti e di chiacchierate, con tua moglie e con i tuoi figli, in cui dispensavi consigli per la vita.

Ti piacerebbe sapere di avere ancora degli obbiettivi, di essere utile a qualcuno, di poter essere chiamato per un consiglio, di contare per gli altri.

Ti piacerebbe raccontare… ma a chi? Le piccole cose di oggi scandiscono una quotidianità ripetitiva, di attesa, giorno dopo giorno, di qualche evento che scardini e scompigli la tua vita, almeno per qualche ora.

Ti ripetono che non sei solo, i tuoi figli sono sempre a tua disposizione, ti aiutano, ti semplificano la vita quotidiana, ti passano a trovare nella tua casetta, dove hai imparato a cucinare, pulire, spolverare e raccogliere i fiori del tuo giardino, da mettere di fronte a troppe fotografie che ti ricordano un passato che non c’è più.

Ti dicono che sei fortunato, ogni tanto sei invitato a pranzo o a cena dai tuoi figli, a volte, persino, ti invitano in vacanza con loro, capisci che fanno il possibile per sfarti sentire parte della famiglia.

Ma la malinconia rimane, per quello che non c’è più e per un senso della vita che poco ti appartiene, un mondo diverso da cui sei escluso, un mondo che ha bisogno dell’aiuto di un giovane per essere vissuta.

Ma il bicchiere lo vedi mezzo pieno, pensando a tutte le persone come te che sono sole, sempre, fragili ed esposte ad un mondo che non capiscono, senza aiuti e senza nessun conforto.

Se hai una colpa di non essere più giovane, sei stato fortunato, perché la tua colpa è piccola e la penitenza è lieve.



Abbonati a rNEWS per leggere l’articolo completo

CHIEDI INFORMAZIONI SULLA PUBBLICITÀ

Copyright © 2022 - Privacy Policy - Cookie Policy | Tailor made by plastica riciclata da post consumoeWeb

plastica riciclata da post consumo