I GRANDI CAPITALI MONDIALI PUNTANO ALLA CARNE VEGETALE

Giovedì, 7 maggio 2020 | Notizie Generali
Marco Arezio - Consulente materie plastiche - I grandi capitali mondiali puntano alla carne vegetale

Bill Gates, Google Ventures e Blue Horizon stanno investendo nel nuovo business sostenibile

Che il settore degli allevamenti destinati alla produzione di carne siano additati come estremamente inquinanti a causa delle emissioni in atmosfera, al consumo di acqua e di suolo per il foraggio, è un fatto acclarato, ma che da questi problemi nascessero delle aziende, sostenute da grandi capitali, che hanno lanciato la sfida ad un mercato immenso e consolidato come quello della carne, era meno prevedibile.

Le grandi sfide sono sempre piaciute ai grandi finanziatori che avevano deciso, anche questa volta, di investire in un settore che, qualche anno fa, era considerato non solo a grande rischio, ma probabilmente una pura follia imprenditoriale.

Circa 8 anni fa quando la ditta Beyond Meat, spalleggiata dal fondatore di Microsoft, ha lanciato la prima produzione di hamburger vegetale, forse i tempi non erano maturi e i produttori di carne avevano visto, nell’operazione, una grande barzelletta destinata ad un clamoroso fallimento industriale e finanziario.

Le intenzioni dell’azienda erano quelle di fornire un cibo, non solo simile nella forma, nel colore e nel sapore a quello di derivazione animale, ma si poneva anche l’obbiettivo di interrompere la catena di macellazione degli animali e l’avvio di una riconversione agricola che riducesse l’inquinamento causato dagli allevamenti intensivi.

I produttori di carne dell’epoca erano molto divertiti dall’ambizioso progetto e sicuri del fatto che il sapore e il colore dei loro hamburgers, fosse inimitabile e non riproducibile con prodotti di derivazione vegetale.

In effetti all’inizio della produzione degli hamburger vegetali, né il sapore ne l’aspetto del prodotto erano paragonabili alla carne animale, ma l’azienda continuò testardamente le sue ricerche per affinare gusto ed aspetto.

Nel frattempo entrarono nel mercato altri tre attori: Impossible Food, che era sostenuto da Google Ventures, Livekindly supportata dagli Svizzeri di Blue Horizon e Temasek che si occupa di tutta la filiera produttiva dal campo al prodotto in tavola.

Con il passare del tempo, i composti aromatici naturali inseriti negli hamburger vegetali e l’uso del pisello giallo, della soia e del succo di barbabietola per modificare il colore e il sapore, per renderlo simile all’Heme, il gruppo di molecole a base di ferro che dà alla carne animale il suo caratteristico sapore, ha avvicinato in modo sorprendente il prodotto vegetale da quello animale.

Inoltre, negli ultimi anni, il sentimento ecologista che ha pervaso l’opinione pubblica, ha messo sotto un’altra luce sia il comparto della produzione di carne, in negativo, che quello della produzione vegetale di hamburger, considerando la nuova filiera e il nuovo prodotto del tutto in linea con le aspettative green dei consumatori.

I capitali, nel frattempo, sono affluiti copiosi su questi progetti considerando che il mercato mondiale della carne bovina è stimato intorno in 2700 miliardi di dollari e che oggi, i produttori di proteine alternative coprono circa l’1% del mercato, ma con una crescita del 20% all’anno.

Aziende come Beyond Meat, l’anno scorso, aveva un valore a Wall Street circa 12 miliardi di dollari e, le società del comparto, non fanno fatica a rastrellare finanziamenti visto la potenzialità di crescita del mercato.

CONDIVIDI
Copyright © 2020 - Privacy Policy - Cookie Policy | Tailor made by eWeb